Ebook Omero

 

La vita di Omero tra leggenda e fantasia e le opere classiche

omero-libri-odissea-iliade-gratis-download

Omero poeta del mito, mito lui stesso, leggenda la sua origine, la sua nascita, il luogo dove nacque. Già nel III secolo a.C., Zenodoto iniziò a mettere in dubbio la paternità di alcuni versi dell’Iliade e dell’Odissea, i due massimi poemi epici della letteratura greca. Tali dubbi furono alimentati ancor più nella seconda metà del Seicento, periodo in cui fu messa in ‘forse’ la stessa esistenza del poeta Omero (‘questione omerica’).

Aristotele affermava l’esistenza di Omero a cui attribuiva la composizione di Iliade, Odissea e Margite.

Aristarco di Samotracia tentò di dare una spiegazione alla disomogeneità linguistica ed ambientale tra i due poemi affermando che l’Iliade apparteneva alla giovinezza di Omero mentre l’Odissea alla sua vecchiaia. Fatto sta che, da una parte, la leggenda di Omero lo esalta come il primo poeta epico in assoluto, dall’altra, nel tempo si è andata rafforzando l’idea che Omero rappresenti semplicemente il simbolo della poesia greca dell’età eroica e che i due poemi epici raccolgano, in realtà, il lavoro di aedi latori di diversi canti.

Secondo la visione ‘archeologica’ frutto di molti studi, uno stesso autore avrebbe raccolto i nuclei originari di canti primitivi riordinandoli in modo del tutto personale.

 

Biografia di Omero: tra leggenda e fantasia

Sono sette, secondo la biografia tradizionale, le città che si contendevano i natali di Omero: Chio (Grecia), Colofone o Smirne (entrambe nell’attuale Turchia), Atene, Argo, Rodi e Salamina. Gran parte di queste città si trovano nella Ionia ed è, in effetti, il dialetto ionico la lingua di base dell’Iliade.

Ogni tentativo di ricostruire una biografia di Omero è pura fantasia, tanto che sono addirittura sette le cosiddette Vite di Omero. Prima fra tutte, quella erroneamente attribuita ad Erodoto, cui segue Plutarco. Alcune mitiche biografie lo consacravano figlio della ninfa Creteide o discendente di Orfeo.

Incerta anche l’età in cui visse (oscilla tra il XII ed il VI secolo a.C. seppure le date più accreditate riportino il VII e VIII secolo).

 

Etimologia del nome Omero

Sull’origine del nome Omero sono state avanzate diverse ipotesi:

-       ὅμηρος (Hómēros), l’ostaggio ma anche il cieco;

-       ὁ μὴ ὁρῶν (ho mè horôn), colui che non vede;

-       ὀμηρεῖν ("omērêin"), incontrarsi, da associare alle piccole riunioni nei gruppi di Omerìdi in cui si narravano i canti successivamente raccolti nei due massimi poemi epici dell’età greca arcaica.

Emerge, tra tutti, il personaggio cieco che, nell’antichità, ha un significato sacrale, doti profetiche, grande saggezza. La mancanza della vista era ricompensata dall’ispirazione delle Muse, non a caso molti aedi erano ciechi.

 

Opere

Oltre all’Iliade ed all’Odissea, gli antichi attribuirono ad Omero alcuni poemi del Ciclo epico (Tebaide, Epigoni, Ciprie), il poemetto Margite, epigrammi, una raccolta di Inni omerici, il poemetto giocoso Batracomiomachia.

In particolare, gli Inni omerici (dedicati ai 12 principali dei dell’Olimpo), il poema eroicomico Batracomiomachia che descrive la guerra tra il Regno dei Ranocchi e quello dei Topi e Margite, altro poema eroicomico che racconta i viaggi di Margite (l’anti-Ulisse) fanno parte delle Spurie.

 

 

Gratis il download dell'Iliade e dell'Odissea PDF e ePub

Ti offriamo il download gratuito dei libri classici di Omero ovvero l'Iliade e l'Odissea disponibili in italiano ed in due formati ebook diversi, PDF e ePub.

Cliccando il link Libri gratuiti avrai accesso ad un elenco dei più famosi portali web che propongono ebook senza copyrights della letteratura mondiale distribuiti in modalità free. I formati disponibili degli ebook sono i soliti: PDF, ePub, mobipocket. Infine selezionando Libri a pagamento ottieni la lista dei più affidabili ebook store del web.

 

 

omero-ebook-odissea-iliade-gratis-download

Google Libri

libri-gratis libri-online

Libri gratuiti          Libri a pagamento

 

Iliade

L’Iliade, la cui stesura è stata fatta risalire al periodo compreso tra il IX secolo ed il VIII secolo a.C., è un poema epico che narra le vicende relative all’ultimo anno della mitica guerra di Troia.

La forza della poesia epica affidata a rapsodi e aèdi, nell’Iliade come nell’Odissea, è rappresentata da quattro elementi: bellezza, chiarezza, verità e coerenza.

 

Odissea

L’Odissea rappresenta, insieme all’Iliade, il capolavoro della letteratura greca attribuito ad Omero. La stesura di questo poema epico, che racconta le vicissitudini del viaggio di ritorno ad Itaca di Ulisse (Odisseo), risale al periodo compreso tra il IX ed il VIII secolo a.C.

I poemi omerici rappresentano da sempre, oltre che eccellenti creazioni poetiche, fonti preziose per comprendere le consuetudini edilizie, politiche, tecniche (metallurgia, allevamento, agricoltura) ed alimentari delle popolazioni mediterranee in età protostorica contribuendo sia allo studio storico sia a quello archeologico.

L’Odissea, in particolare, è anche qualcosa di più: è il prototipo del romanzo. Ruota intorno ad un personaggio protagonista, è ricco di intrecci, tagli e dissolvenze, presenta schemi narrativi moderni.

 

Religione greca e culto dell’eroe

La religione greca ben saldata al mito è caratterizzata da forti caratteri primitivi.

Gli dei hanno le stesse passioni degli uomini (possono essere teneri e spietati, sono immortali ma non invulnerabili), alcuni sono zoomorfi, non esiste una vera cultura dell’aldilà ed un contatto diretto con la divinità, la punizione divina non esiste.

L’uomo di Omero è suddiviso in corpo, soffio vitale, affetti, razionalità ed intelligenza.

L’eroe omerico aspira alla gloria, è fisicamente forte, coraggioso, sa sopportare ogni avversità e fatica, è bello, virtuoso ed anche eloquente. Nessuna pietà per i vinti, la morte in battaglia viene accettata con onore dall’eroe.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest